NEWS / EVENTI



Antonio Canova a Lucca

pubblicata lunedì 21 agosto 2023
Antonio Canova a Lucca Lucca ospita la mostra Antonio Canova e il Neoclassicismo a Lucca, a cura di Vittorio Sgarbi e prodotta da Contemplazioni, dall'8 dicembre 2023 al 29 settembre 2024 nei locali dell'Ex Cavallerizza.
Un percorso suggestivo tra pittura e scultura, che parte da Antonio Canova, icona universale del classicismo, e dai più celebri esponenti internazionali come Francisco Goya e Francesco Hayez, fino ai maestri lucchesi e toscani della medesima corrente, tra cui Pompeo Batoni, Bernardino Nocchi, Stefano Tofanelli e Lorenzo Bartolini. A dicembre, presso la Cavallerizza di Lucca, arriva la grande esposizione “Antonio Canova e il Neoclassicismo a Lucca” a cura di Vittorio Sgarbi e prodotta da Contemplazioni.
La giunta, guidata dal sindaco Pardini, ha infatti approvato lo schema di accordo con la società Contemplazioni per l’organizzazione di questo progetto pensato sia per la comunità lucchese che per un pubblico internazionale.
Un percorso suggestivo, tra pittura e scultura, che partirà da Antonio Canova, icona universale del nuovo classicismo, e dai più celebri esponenti internazionali come Francisco Goya e Francesco Hayez, fino ai maestri lucchesi e toscani della medesima corrente, tra cui Pompeo Batoni, Bernardino Nocchi, Stefano Tofanelli e Lorenzo Bartolini, solo per citarne alcuni.
La mostra andrà a coniugare la maestria di Antonio Canova, tra i più celebri artisti a livello mondiale, con il recupero, la promozione e la valorizzazione di parte del patrimonio artistico lucchese e toscano e sarà visitabile dall’8 dicembre 2023 al 29 settembre 2024.
La stipula dell’accordo di partenariato fra Comune di Lucca e società Contemplazioni fa seguito alla pubblicazione di un apposito avviso nel mese di marzo scorso e regola tutte quelle attività di coprogettazione, gestione e realizzazione di varie iniziative, dalla promozione e valorizzazione, che saranno in parte a cura del Comune e in parte a cura della società privata.
I contenuti culturali della mostra saranno presentati nel dettaglio più avanti.

Biografia
Antonio Canova, massimo scultore esponente del Neoclassicismo, è anche considerato l'ultimo grande artista della scultura italiana. Nasce il giorno 1 novembre 1757 a Possagno (Treviso). Svolge il suo apprendistato a Venezia dove scolpisce le sue prime opere a carattere classicheggiante rappresentanti Orfeo e Euridice, Dedalo e Icaro e Apollo.


Nel 1779 si reca a Roma dove frequenta le scuole di nudo dell'Accademia di Francia e del Museo Capitolino.
Canova nei suoi disegni e nelle sue sculture incarna i principi neoclassici di Winckelmann. Tra i suoi disegni ricordiamo lo Studio dal gruppo di Castore e Polluce, il Nudo virile supino su un masso e Due nudi femminili.

La prima opera scultorea realizzata a Roma è il Teseo sul minotauro che gli venne commissionato dall'ambasciatore della Repubblica Veneta Girolamo Zulian. Teseo è rappresentato seduto sul minotauro dopo la lotta, rappresentando così la vittoria della ragione sull'irrazionale.

Nelle sue sculture Canova ricerca la bellezza ideale cioè La Venere italica, quella bellezza che nasce dall'idea dell'artista sulla perfezione che non è possibile ritrovare in natura. Per raggiungere la rappresentrazione della bellezza ideale sono necessarie la conoscenza e l'imitazione della scultura classica, nonchè una grande padronanza della materia scultorea.

Per quest'ultimo motivo le sculture dell'artista, sempre realizzate in marmo e talvolta ricoperte da uno strato di cera rosa o ambra, per imitare il colore dell'incarnato, sono sempre rifinitissime e levigate fino a raggiungere una superfice liscia e traslucida.
Questo è evidente nel gruppo scultoreo di Amore e Psiche che oggi si trova a Parigi al museo del Louvre.
Il gruppo rappresenta il momento in cui Amore rianima Psiche nell'attimo che precede il bacio, opera raffinatissima e di eleganza sensuale.

Altre opere dello stesso genere sono Ebe, Venere e Adone e le Tre Grazie, dove all'eleganza sensuale si abbina un perfetto equilibrio della composizione tipico della cultura neoclassica.

Eseguì anche alcuni monumenti funerari come il Monumento di Clemente XIII a San Pietro, il Monumento di Clemente XIV ai Santi Apostoli, La stele funebre del Volpedo nella quale rappresenta la personificazione di Amicizia che piange davanti al busto del defunto.

Nel 1798 il duca Alberto di Sassonia-Teschen commissiona ad Antonio Canova il Monumento funebre a Maria Cristina d'Austria. In quest'opera rappresenta il sepolcro in forma piramidale, ispirato probabilmente dalla piramide Caio Cestio a Roma che è un'edificio del I secolo a.C.


Davanti alla piramide Canova rappresenta un corteo funebre che trasporta all'interno del sepolcro le ceneri della defunta il cui ritratto è rappresentato in un medaglione sopra la porta sorretto dalla Felicità Celeste.

Viene poi chiamato a Parigi nel 1802 da Napoleone Bonaparte che gli affida l'incarico per un suo Busto-ritratto di cui oggi ci restano alcuni calchi in gesso.


Successivamente il Canova si dedica alla realizzazione del nudo di Napoleone in figura di Marte pacificatore, che però l'imperatore non gradisce.


Realizza inoltre il Ritratto di Paolina Borghese nelle vesti di Venere vincitrice, che tiene in mano il pomo della vittoria offerto da Perseo alla dea più bella. Paolina è rappresentata distesa su cuscini con il busto semieretto e nudo. Le parti scoperte sono ricoperte di cera rosata per conferirle un'aspetto umano. L'opera ha una freddezza tipicamente neoclassica dovuta allo schema compositivo precisissimo.


Con la fine dell'epoca napoleonica Canova ritorna a Roma: le opere di questo periodo evidenziano un cambiamento nello stile dell'artista che carica di una maggiore rappresentazione emotiva le sue opere che in questo modo si avvicinano alle nuove tendenze romantiche; sono di questo periodo la Maddalena, il Compiano sul Cristo morto, il Monumento Stuart e Venere e Marte.

Antonio Canova muore a Venezia il 13 ottobre 1822, all'età di 64 anni.
 



Altre news / eventi


40 dipinti Post Macchiaioli in mostra 40 dipinti Post Macchiaioli in mostra pubblicata venerdì 14 giugno 2024 Da Nomellini a De Chirico. Luci e suggestioni da una collezione privata
La mostra , a Villa Bertelli (Forte dei Marmi ) , a cura della Società di Belle Arti di Viareggio.
La Società di Belle Arti di Viareggio presenta un’esposizione [...]
>>>


 
Dante al Museo - Livorno Dante al Museo - Livorno pubblicata venerdì 14 giugno 2024 Mercoledì 19 giugno ore 21.00
Dantealmuseo- Canto V Purgatorio- Jacopo, Bonconte, Pia-
Museo di Storia Naturale – Villa Henderson- via Roma 234 Livorno
>>>


 
Gruppo Attias la storia Gruppo Attias la storia pubblicata martedì 4 giugno 2024 MERCOLEDI 5 GIUGNO ORE 18.30: MONOGRAFIA GRUPPO ATTIAS

Appuntamento con un pezzo di storia dell'Arte di Livorno del secolo scorso con la presentazione della monografia del Gruppo Attias, sodalizio artistico fondato da Piero Mochi, Roberto [...]
>>>


 
Montmatre a Livorno Montmatre a Livorno pubblicata martedì 4 giugno 2024 7-8-9 GIUGNO MONTMARTRE-GARIBALDI SOLO ANDATA. (piazza Garibaldi, Livorno)

Dopo il successo delle precedenti edizioni, Il Comitato Pontino San Marco annuncia con piacere il ritorno di «Montmartre-Garibaldi solo andata» la manifestazione [...]
>>>


 
Entre Nous arte contemporanea Entre Nous arte contemporanea pubblicata domenica 2 giugno 2024
Sono aperte le candidature per la selezione di tre residenze d’artista che daranno vita all’iniziativa “Entre Nous – arte contemporanea nelle aree interne” promossa da Paratissima, hub culturale dedicato alla promozione e alla valorizzazione [...]
>>>


 
Prorogata la mostra di Leonardi e Ciolli Prorogata la mostra di Leonardi e Ciolli pubblicata domenica 2 giugno 2024 IN VIAGGIO… Deborah Ciolli Fabio Leonardi

18 maggio 2024 — 8 giugno 2024

Inaugurazione sabato 18 maggio ore 17:00

Galleria d’Arte Athena

Livorno – Via di Franco 17/19

(angolo Via Cairoli)

Tel [...]
>>>


 
Marco Manzella espone a Siena Marco Manzella espone a Siena pubblicata domenica 2 giugno 2024 Si Inaugura a Siena la mostra personale dell’artista livornese Marco Manzella (socio del Gruppo Labronico ). Titolo della mostra : TERRA E SPIRITO. L’esposizione vedrà una selezionata serie di opere realizzate per l’occasione .
Galleria [...]
>>>




Altre news / eventi »»


 
© 2024 Rivista Culturale Arte a Livorno... e oltre confine