NEWS / EVENTI



Sirio Bandini in mostra a Cecina

pubblicata venerdì 26 febbraio 2016
Sirio Bandini in mostra a Cecina Sala Espositiva Comunale
Piazza Guerrazzi

Comune di Cecina
Centro Formazione Arti Visive
Cooperativa Il Cosmo

presentano

da un’idea di Francesco Bozolo

Sirio Bandini

Primavere Nascoste
Mostra retrospettiva

5-27 marzo 2016

Inaugurazione sabato 5 marzo ore 17.30

Testi critici
di
Andrea Baldocchi


“Grandi suggestioni”, “La storia”, “Verso l’informale”. Sono i capitoli sequenziali di un’esperienza strettamente visiva. Quella di un divenire pittorico che si è confrontato con il cambiamento, con i lati oscuri, le speranze e l’energia vitale del suo tempo. Ingredienti fondamentali: un coraggio persistente ed un singolare talento.

Torna sulla scena della città in cui più ha vissuto, e di cui ha segnato lo stile, Sirio Bandini, il pittore-operaio, scomparso nel marzo del 2009, che ha trasformato le atmosfere della fabbrica e del dopo industriale in un incalzante e drammatizzante “realismo lirico”, nel solco denso e passionale di Renato Guttuso, conosciuto e frequentato dal 1953.

La retrospettiva è “Primavere Nascoste”, una mostra voluta da Francesco Bozolo e organizzata dal Centro Formazione Arti Visive Cecina, in collaborazione con il Comune di Cecina e Cooperativa Il Cosmo.
In corso a Cecina (LI), dal 5 al 27 marzo 2016, inaugura, sabato 5 marzo ore 17.30, anche la “Sala Espositiva Comunale” in Piazza Guerrazzi che sarà intitolata nell’occasione proprio a Sirio Bandini. Quello che il Sindaco Samuele Lippi e l’Assessore alla cultura Giovanni Salvini, definiscono artista con una “valenza precisa per la nostra Amministrazione”.

Il viaggio dalla realtà frastornante e sconosciuta degli altoforni, della natura ‘contaminata’ e liberata dalla retorica, fino alle “caverne dello spirito” rivelate dall’informale, è “guidato” da Andrea Baldocchi, studioso e critico premiato dalla Biblioteca Nazionale di Storia dell’arte di Londra, ed i cui scritti entrano nei programmi, tra agli altri, del Metropolitan Museum of Art e della Harvard University.

Una mostra che è anche la ricerca su un ricercatore di forma e colore, socialmente impegnato, negli anni caldi delle lotte sindacali e delle rivendicazioni operaie.

Della mistica suggerita dietro l’apparentemente scontato, con un tocco di disorientamento. “Un Bandini insolito. Insolito per la scelta del tema, che stavolta riguarda il paesaggio”.
Nell’incipit alla monografia che accompagna la retrospettiva, Andrea Baldocchi accoglie come “un’intuizione buona” quella di Francesco Bozolo che “concepisce un canovaccio stimolante su cui investigare”. Una rivolo nuovo attraverso quella “lunga e prolifica carriera” dove l’artista e gallerista, operatore culturale innovativo, “è stato acclamato per le donne e i volti”, tralasciando “quella storia particolare che ha, invece, lambito e carezzato più volte la sua sensibilità: la natura”.

Così nella sezione “Grandi suggestioni”, Sirio “sa districarsi dal cosiddetto vedutismo di maniera, insistendo su spunti cromatici vivaci che sostengono un impianto che sa comunicare direttamente con lo spettatore”. Opere in cui “il mondo esterno si tuffa nell’immaginario di Bandini attraverso scorci improvvisi che proiettano strutture rigorose e simmetrie perfette”. Verso il “magnifico stato di rapimento mentale che la natura elargisce”.

Nel capitolo “La storia”, il disegnatore Bandini, rivela già “giovanissimo, negli anni Cinquanta” quella che Baldocchi definisce “la drammatizzazione delle scene”, dove “nulla si presenta saldo e cortese” ma, bensì, “fremente e passionale”.
E il critico ripercorre le tappe della manifestazione del “rosso Bandini”, delle primavere che trasformano la natura in “cattedrali gotiche”. Le nuove armonie dei “verdi erbosi” e le pietre, gli arbusti, e i fiori che “si rifugiano nell’esperienza trascendente, volgendo la loro attenzione alle scogliere della psiche”. Fino agli “ultimi anni di Sirio Bandini. Una montagna sopra tutto e tutti.”.

Il Sirio crepuscolare, firma ancora una inedita fase che spinge con “spessore monocromatico” “Verso l’informale”. E qui la tavolozza “acquista…un’impronta quasi idilliaca, quasi una visione dell’aldilà”.


“Sirio Bandini nasce a Piombino nel 1929. È “la città del ferro, la città del fuoco degli altoforni”. Qui “assorbe la potenza del colore rosso che rimane per sempre una nota dominante della sua produzione”.
Nel 1953, in seguito alle crisi della siderurgia, della disoccupazione e delle lotte sindacali conosce Guttuso e l’ambiente artistico romano. Levi, Saba, Trombadori, Ricci, Jacoviello, che concorrono a sostenere gli operai.
Nel 1959 il dr Appio Meucci a Cecina, filantropo e appassionato d’arte, lo stimola e lo indirizza a premi e concorsi.
Risale al 1963 l’inaugurazione della sua “Galleria d’arte Bandini”.
Nel 1975 è chiamato ad affrescare il Palazzo dei Congressi di Cecina e nel ‘78 collabora con Franco Mauro Franchi all’arredo urbano di Piazza della Libertà ed alla sua nota fontana.

Nel 1985/1987 è presente in una mostra itinerante in Uruguay, Brasile ed Argentina.
Mentre nell’86 espone all’Istituto della Cultura di Montevideo in Uruguay e nel ‘90 all’Istituto della Cultura di Belgrado.
Nel 1996 viene insignito del premio Comune di Cecina come cittadino più rappresentativo.
Nel 2001 riceve la lettera di ringraziamento del presidente Ciampi per l’opera donata in occasione della consegna della medaglia d’oro alla città di Piombino.



“Omaggio al mio amico Sirio. Un percorso estetico segnato da una profonda amicizia”, è l’incontro con l’artista Franco Mauro Franchi, giovedì 10 marzo 2016, ore 17.30, dove lo scultore e pittore ripercorrerà quel sodalizio fondamentale in cui amicizia e ispirazione dettero vita ad un percorso unico di ricerca visiva ad “alta condivisione” (Baldocchi).


Apertura mostra: 17-19.30 (ingresso libero). Info: 335 658 1682.



 

  bandini 2 web.jpg




Altre news / eventi


Interventi per l’arte e la cultura Interventi per l’arte e la cultura pubblicata martedì 31 gennaio 2023
Fondazione Livorno ha pubblicato, in anteprima, sul proprio sito internet Home - Fondazione Livorno il bando “Interventi per l’arte e la cultura 2023”, rivolto a enti pubblici o privati senza scopo di lucro. Il bando dispone di un plafond [...]
>>>


 
Luciano Castelli in mostra alla Trossi Uberti Luciano Castelli in mostra alla Trossi Uberti pubblicata giovedì 26 gennaio 2023 In occasione della Giornata della Memoria, venerdì 27 gennaio alle ore 17, la Fondazione d’arte Trossi-Uberti inaugura la mostra “Poteva capitare a chiunque”. Luciano Castelli (1921-2006). Disegni di un deportato.



Luciano [...]
>>>


 
Un viaggio in collezione Fondazione Livorno Un viaggio in collezione Fondazione Livorno pubblicata mercoledì 18 gennaio 2023 Venerdì 20 gennaio, dalle 9.15 alle 13.15, Fondazione Livorno ospiterà presso la propria sede 𝑼𝒏 𝒗𝒊𝒂𝒈𝒈𝒊𝒐 𝒊𝒏 𝒄𝒐𝒍𝒍𝒆𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆, [...]
>>>


 
Danteingalleria Danteingalleria pubblicata martedì 17 gennaio 2023 Danteingalleria
Sabato 21 gennaio ore 17.00
Canto XIV dell'Inferno -Capaneo e il Veglio di Creta-
Interverranno: Giacomo Romano, Fabio Leonardi e Giorgio Mandalis.


Ps: consigliata la prenotazione
>>>


 
Banksy e le iniziative collaterali Banksy e le iniziative collaterali pubblicata martedì 17 gennaio 2023 Presentazione di libri, lezioni di street art e visite guidate, il week end al Museo della Città

Gli eventi sabato 21 e domenica 22 gennaio

Dopo aver raggiunto e superato la soglia dei diecimila visitatori, prosegue con successo [...]
>>>




Altre news / eventi »»


 
© 2023 Rivista Culturale Arte a Livorno... e oltre confine