NEWS / EVENTI



Sandro Martini…come la vita

pubblicata sabato 29 ottobre 2022
Sandro Martini…come la vita


La galleria Guastalla Centro Arte è lieta di presentare la mostra di Sandro Martini dal titolo “Come la vita”.
La mostra nasce dalla frequentazione tra la galleria e Sandro Martini in questi ultimi anni, nata in occasione della richiesta di realizzare un’opera per la Casa Natale Amedeo Modigliani; Martini ha accolto con entusiasmo questa iniziativa, scegliendo l’opera Saracura esposta in permanenza nella casa-museo.
Sandro Martini, come scrive anche Luigi Sansone, autore del Catalogue Raisonné, “è da annoverare tra gli artisti degli ultimi decenni che hanno contribuito ad arricchire gli sviluppi della pittura contemporanea attraverso l’elaborazione di uno stile autonomo e la forza del proprio talento. I suoi lavori sono ricchi di significati, rimandi, stati d’animo nascosti da strati di intrecci di segni e colore”.
Nasce a Livorno nel 1941: dopo aver frequentato l'Istituto d’Arte di Lucca e Firenze, si reca a Roma dove incontra Corrado Cagli, Gino Marotta e gli artisti più rappresentativi del panorama culturale romano. Appena terminati gli studi si trasferisce a Milano dove stringe una profonda amicizia e collaborazione con Tancredi Parmeggiani e espone nelle principali gallerie milanesi, fra cui la galleria delle Ore, la galleria Blu, la galleria del Milione, lo Studio Marconi: da ricordare in quel periodo l’esposizione pubblica realizzata al Museo Progressivo a Livorno nel 1974.
Nel ’77 si trasferisce negli Stati Uniti, prima a New York, poi a San Francisco e nella costa pacifica, dove insegna due mesi all'anno e realizza le prime installazioni, colossali aquiloni che volano verso il cielo, grandi tele che coprono i luoghi, li adornano, li vivificano.
Un’importante installazione fu realizzata nell'83 nel salone delle grida alla Borsa di Milano: per un mese gli agenti urlarono i loro prezzi sotto le grandi tele, tese da una parte all'altra della sala. Altrettanto significativa la grande installazione realizzata nel 1999 nel soffitto della galleria Vittorio Emanuele a Milano.
“Non lavoro mai improvvisando”, afferma l’artista, che aggiunge: “seguo sempre un progetto, dove tutto è pensato, con un suo perché dall’inizio alla fine. Eseguo molti disegni. Poi nel momento della realizzazione è come se io non ci fossi, è come se avessi l’impressione di stare a vedere”.
Le opere in mostra attraversano un po’ tutto il lavoro che Martini ha portato avanti negli anni, ci saranno dipinti, tecniche miste e sculture, tra cui opere degli anni ’60, come il grande dipinto “La via del colibrì” e degli anni ’70 “Bleu viola e desiderio” e “Violetto blu +”: opere dello stesso ciclo pittorico, sono esposte nel Museo della Città di Livorno.
La mostra prosegue con opere degli anni ’90 facenti parte delle serie delle “trascrizioni”, dove si fa riferimento anche nei titoli al lessico di altre culture, utilizzando la tecnica mista su tela o la carta foderata: oltre a esaltare l’espressività coloristica delle opere Martini sembra voler sottolineare anche con titoli ricercati le stratificazioni culturali e temporali che essi contengono. Dopo queste opere, dalla metà degli anni ’90, Martini concepisce le “tele cucite”: in queste opere frammenti di tele colorate sono cucite sulla superficie, il colore nero, rosso e giallo, frammenti di stoffa e fili di cucitura si fondono dando vita a suggestive composizioni materiche.
Di particolare suggestione le due sculture di grande formato concepite come un intreccio di vetri, plexiglas, stoffe e nastri che ben sintetizzano la poetica dell’artista.
Come scrive Vittorio Sgarbi, “Martini non pensava che dalle tele colorate e sovrapposte sarebbe tornato al quadro dipinto, l’ha fatto realizzando un’impossibile sintesi tra installazione e pittura”.

Sarà presente l’artista.
 



Altre news / eventi


Al Museo Revoltella in mostra i Macchiaioli Al Museo Revoltella in mostra i Macchiaioli pubblicata domenica 4 dicembre 2022
Inaugurata il 19 novembre 2022 , sarà visitabile fino al 10 aprile 2023 la mostra dedicata ai Macchiaioli a Trieste.

Col termine “Macchiaioli” si definisce il gruppo di artisti italiani più importante dell’Ottocento.

Spiriti [...]
>>>


 
In viaggio con l’arte e per la vita In viaggio con l’arte e per la vita pubblicata sabato 3 dicembre 2022
Grazie alla sensibilità delle donne e degli uomini della Marina Militare, i pittori di Toscana Arte, in questo 2022...terzo anno pandemico, presentano i loro lavori a Livorno, nella prestigiosa sede del Circolo Ufficiali di San Jacopo.
A [...]
>>>


 
Inaugurata la mostra di David Giroldini Inaugurata la mostra di David Giroldini pubblicata giovedì 1 dicembre 2022 Visioni Esistenziali - David Giroldini - Circolo Culturale A.Amato - Livorno - inaugurata oggi , 1 dicembre 2022, la suggestiva mostra dell’artista livornese, socio del prestigioso Gruppo Labronico . Oltre trenta opere selezionate per l’occasione [...]
>>>


 
Quindicesima edizione - Colori Labronici Quindicesima edizione - Colori Labronici pubblicata mercoledì 30 novembre 2022 Sabato 3 dicembre prenderà il via nei locali della Galleria Chiellini in via C.Battisti 52 a Livorno, la 15a Edizione ‘Colori Labronici ‘. L’evento espositivo , che ogni anno viene organizzato nel mese natalizio , vedrà una selezionata serie [...]
>>>


 
Non scriverò la tua storia - il libro di Stefania D’Echabur Non scriverò la tua storia - il libro di Stefania D’Echabur pubblicata mercoledì 30 novembre 2022 All Bottega del Caffè di Livorno (viale Caprera 35) presentazione del primo romanzo di Stefania D’Echabur. Il 2 dicembre alle ore 18
Venerdì 2 dicembre 2022, alle ore 18.00, alla Bottega del Caffè, viale Caprera, 35, sarà presentato il romanzo [...]
>>>


 
Quadreria 2022 a Livorno Quadreria 2022 a Livorno pubblicata mercoledì 30 novembre 2022 Galleria d’arte Le Stanze srl
Via Roma 92/a
57126 Livorno
Tel. 0586-1853558
Cell. 335-7051360
info@gallerialestanze.it
www.gallerialestanze.it


Quadreria 2022

Sabato 3 dicembre ore 17.30 inaugura [...]
>>>




Altre news / eventi »»


 
© 2022 Rivista Culturale Arte a Livorno... e oltre confine