CLAUDIO CANTINI



CLAUDIO CANTINI Claudio Cantini “Pittore per vocazione”

Pittore per vocazione, questo è Claudio Cantini e la toscanità che pervade la sua anima gli dona la capacità di vivere la simbiosi più armonica con le bellezze che lo circondano.

La sua formazione artistica trova origine e fermenti nella cultura labronica, nel suo modo di dipingere aleggia la grande espressione artistica di quelli che sono stati i maestri della macchia fiorentina e livornese, ma non si è limitato a seguire la loro scia, l’indole curiosa e un’innegabile talento, gli hanno permesso di sviluppare un suo spazio autonomo, la sua pennellata vibrante (che riecheggia la vivacità espressiva di Van Gogh), conferisce ai suoi soggetti una luminosità ed un particolare movimento che rende contemporanee le sue opere.

Sia che si tratti di paesaggi campestri o di vedute cittadine, l’arte di Cantini è capace di registrarne lo spirito e l’atmosfera, anche i colori stagionali vengono registrati con efficacia e il risultato teatrale delle sue opere mette in in scena rappresentazioni estremamente veritiere.

La sensibilità di Claudio Cantini lo porta a ricercare e ritrarre gli angoli più suggestivi della città in cui vive, scivola sulle pareti delle case e dei monumenti, stende le ombre e da brillantezza alle luci, in un divenire di umorale partecipazione coi soggetti che sente essere parte della sua storia. Affronta i silenzi della notte, gli schiamazzi del giorno o la frescura delle Mura Urbane, con interesse quasi morboso sottolinea la bellezza, vuole renderci partecipi di quelle che sono le attrattive che è in grado di offrire una città storica e ricca di cultura come Lucca.

Nei suoi quadri percepiamo l’origine della sua preparazione artistica, lo spunto iniziale, ma nel corso degli anni, la costanza e il talento, gli hanno permesso di rielaborare in chiave personalistica quella che è stata l’antica tradizione labronica; riecheggiano le antiche atmosfere ma, seppure molti soggetti si portano il vissuto di secoli, Claudio Cantini è capace di attualizzarli, di renderli frementi di vita, una contemporaneità che profuma di storia ricondotta ai giorni d’oggi. Guardare le sue opere è un po come parteciparvi, un riscoprire la tanta bellezza che molto spesso per distrazione dimentichiamo di ammirare.

Lorenzo Pacini
Critico d’Arte
Info : claudio.pittore@gmail.com
Tel: 0039 335 8168246

CLAUDIO CANTINI CLAUDIO CANTINI CLAUDIO CANTINI CLAUDIO CANTINI

 
© 2022 Rivista Culturale Arte a Livorno... e oltre confine