ELISABETTA CORBELLI



ELISABETTA CORBELLI www.elisabettacorbelli.it
elisabettacorbelli@libero.it



Nasce nel 1964 a Castelnovo né Monti in provincia di Reggio Emilia dove vive e lavora come insegnante di scuola primaria. Da sempre interessata e affascinata dall’arte, come espressione più alta dell’uomo, coltiva la passione della pittura dall’età di sedici anni. Durante gli studi e nell’affrontare le esperienze della vira, ha imparato a trasformare le emozioni e le sensazioni in forma e colori; generando un mondo parallelo denso di retro significati importanti. Aperta da sempre al confronto, con il quale ha aperto un costante confronto sui temi dell’arte contemporanea, ha partecipato a mostre collettive in Emilia Romagna.
Le forme nei suoi quadri sono spesso simboliche, accostate ad elementi classici, donano ai dipinti un’atmosfera di mistero, di sospensione. I suoi sono dipinti “di lettura” , cha vanno compresi anche nel loro messaggio e negli archetipi esistenziali che veicolano, rimandano a quelli che possiamo definire i topos cardini delle letterature di tutti i tempi. Firma i suoi dipinti con il nome d’arte “ECO”.
ELISABETTA CORBELLI ELISABETTA CORBELLI ELISABETTA CORBELLI ELISABETTA CORBELLI

“La pittrice Elisabetta Corbelli, artista nel fiore della sua maturità, e di una bellezza non ostentata e quindi ancor più affascinante, trasporta l’osservatore delle opere nella rievocazione delle emozioni più intime che ha saputo tradurre in immagini e colori. Un viaggio nei profondi meandri dell’anima, delle sue sensazioni, dei suoi ricordi trasferiti in dipinti, raccontato con forme simboliche e un uso originale dei colori. Opere che si indovina essere rimaste a lungo sul cavalletto prima di venire completate mano a mano che il loro richiamo, come qualcosa che giunge da lontano e da molto profondo, non abbia indotto l’Artista a elaborarlo per trasferirlo in immagini. Nelle sue opere l’Artista si firma “ECO”, sintesi delle iniziali del proprio nome, ma soprattutto indicativo di un modo, di un atteggiamento di ascolto alle risonanze più profonde dell’Io“.

Vittorio Gregori


 
© 2021 Rivista Culturale Arte a Livorno... e oltre confine