ARTICOLI



Mario Madiai. Tracce di memoria

pubblicato mercoledì 3 febbraio 2021
Mario Madiai. Tracce di memoria Mostra promossa da Fondazione Livorno Arte e Cultura in collaborazione con Comune di Livorno
A cura di Giorgio Bacci

La mostra Mario Madiai. Tracce di memoria ruoterà attorno a un progetto innovativo, che presenterà un lato inedito dell’artista livornese. In particolare, partendo da un desiderio e da una visione poetica di Madiai stesso, una sala dell’esposizione sarà dedicata a un’installazione site specific, con soggetto una riproduzione fotografica di una piazza livornese, su cui l’artista interverrà con una pittura monocromatica, lasciando intravedere soltanto alcuni particolari, e favorendo una dimensione immersiva dello spettatore nell’opera. Un procedimento affascinante, per certi versi risonante di un’eco surrealista, con una realtà oggettuale che emerge da uno scavo in profondità, e che ben si presta a sintetizzare una delle caratteristiche delle opere di Madiai, che vivono di una profonda meditazione sul rapporto tra superficie e profondità, tra dato pittorico e riconoscimento formale. La sala sarà inoltre divisa a metà, come un filtro poetico, da una serie di piccole teche di plexiglas contenenti delle tele sezionate, su cui Madiai ha tracciato figure e segni.
In un’altra sala, sarà invece presentata un’ampia selezione dei più recenti ‘teatrini’ realizzati dall’artista. Si tratta di lavori ricchi di spunti ermeneutici, sia per i rapporti formali che Madiai riesce a costruire calibrando i vari materiali (dalle fotografie della figlia ai disegni dei bambini), sia per il tessuto (letteralmente) di memorie che evocano: i fili da cucito ricordano inevitabilmente la madre sarta. Sono opere affascinanti, che da un lato richiamano gli equilibri instabili di Maria Lai, e dall’altro il concetto di memoria, storica e personale, sviluppato da un’artista come Shirin Neshat (seppur con accenti assai diversi e certamente lontani da quelli di Madiai).
In un’ulteriore sala, sarà realizzata un’altra installazione immersiva, con una sequenza di tele monocrome intrecciate ad altre da cui emergeranno i sintagmi tipici di Madiai, richiamando, in una dialettica tra figurativo e astratto, le tele iniziali, che riprodurranno invece alcune fotografie della figlia Giorgia, su cui l’artista è intervenuto pittoricamente.
La mostra svilupperà dunque un percorso di lettura alternativo attraverso le opere di uno dei pittori livornesi più amati e apprezzati, suggerendo letture visive sorprendenti. Significativamente, in apertura sarà riproposto anche il famoso Biliardo del 1962: in certe fratture della composizione e in alcuni ritagli di pittura, è infatti ravvisabile un fil rouge, inaspettato e tanto più potente, con le sperimentazioni più recenti.
 



Altri articoli


DE ROSA si racconta DE ROSA si racconta pubblicato martedì 30 novembre 2021 Un altro successo dell’artista, e della BCCCC

Dal 5 giugno al 10 luglio 2021, la Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci, nella sua sede di Rappresentanza di Via Rossini 2 a Livorno, ha presentato, continuando quel proficuo [...]
>>>


 
La fine di un bella storia d’amore ? Premio Rotonda “Mario Borgiotti” Città di Livorno - The End La fine di un bella storia d’amore ? Premio Rotonda “Mario Borgiotti” Città di Livorno - The End pubblicato martedì 30 novembre 2021 di Mauro Barbieri
(Direttore Editoriale Arte a Livorno e oltre confine)

Quando nel lontano 1953 Mario Borgiotti insieme a Nedo Luschi e Renzo Casali decisero in una riunione al Caffé Brilli , situato di fronte alla nota Bottega [...]
>>>


 
LINGUAGGI ARTISTICI A LIVORNO LINGUAGGI ARTISTICI A LIVORNO pubblicato martedì 30 novembre 2021
Dal CAFFE’ BARDI a BOTTEGA D’ARTE
Nel Centenario della chiusura dello storico locale (1921-2021)
18 dicembre 2021 - 12 febbraio 2022

L’intervista a Michele Pierleoni, curatore dell’evento, e responsabile dei progetti [...]
>>>


 
Progetto: “L’A in A”, L’Arte in Agenzia Progetto: “L’A in A”, L’Arte in Agenzia pubblicato martedì 30 novembre 2021
Intervista a Raffaele Rossi Art Consultant della Lugano Gruppo Immobiliare.

Sono qui con Raffaele Rossi, Art Consultant della Lugano Gruppo Immobiliare per una nuova iniziativa che lega il mondo delle transazioni immobiliari con [...]
>>>


 
GIOVANNI MARCH (1894-1974) GIOVANNI MARCH (1894-1974) pubblicato martedì 30 novembre 2021
Il fondatore del “Toscana Arte”
di Alessandra Rontini
Giovanni March, primogenito di Henry March e Iginia Carlesi, nasce a Tunisi il 2 febbraio del 1894. I genitori, entrambi livornesi, giungono in Africa poco prima della nascita [...]
>>>




Altri articoli »»


 
© 2021 Rivista Culturale Arte a Livorno... e oltre confine